html5 templates

STAGIONE DI PROSA 2018-2019

Mobirise

Sabato 17 Novembre 2018 - Ore 21

BUKUROSH, MIO NIPOTE

di Gianni Clementi con Francesco Pannofino - Emanuela Rossi
e con Andrea Lolli, Silvia Brogi, Maurizio Pepe, Filippo Laganà ed elisabetta Clementi - regia Claudio Boccaccini
Lucio e Ginevra sono appena tornati dall’Albania, reduci insieme a Corrado e Benedetta dal matrimonio riparatore di Camill con Lushan, di cui è rimasta incinta durante i lavori di ristrutturazione del bagno di casa. Ai dubbi per la scelta tanto azzardata della figlia si sommano le preoccupazioni per il suo futuro, l’annuncio delle imminenti elezioni comunali per Lucio, la notizia che il ristorante molecolare di Ginevra comincia ad accusare un notevole calo di clienti e il problema della imminente convivenza in casa con i novelli sposi. E anche per gli amici di famiglia Corrado e Benedetta le novità non mancano…  Tutto sembra precipitare ulteriormente: purtroppo Lucio non viene eletto e da ex onorevole, per la prima volta in vita sua, scopre di non saper fare niente. Ma paradossalmente le difficoltà del momento riavvicinano molto la coppia e, come recita il famoso detto spagnolo: “un bambino arriva sempre con il pane sotto il braccio”, la nascita di Bukurosh sembra sgombrare il cielo 

Mobirise

Sabato 15 Dicembre 2018 - Ore 21

DIARIO DI ADAMO ED EVA

di Mark Twain | regia Francesco Branchetti
con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti
Tratto da un racconto di  Mark Twain lo spettacolo narra come siano andate le cose tra l’uomo e la donna in chiave ironica e umoristica ma anche fiabesca e romantica e come possa essere nata l’attrazione tra i due sessi. Il testo a due voci inizia con l'apparizione di Eva, che Adamo vede come una creatura bizzarra e fantasiosa; Adamo si ritrova un bel giorno a dover fare i conti con questa nuova creatura «Questo nuovo essere dai capelli lunghi… Non mi piace, non sono abituato ad avere compagnia». Nel racconto le due voci si avvicendano in modo commovente e allegro. Eva una creatura bizzarra e fantasiosa, romantica, vanitosa, chiacchierona sempre interessata a dare nomi agli animali, alle piante e al creato. Adamo è un uomo rude e molto irascibile, un solitario, innervosito dalla continua presenza di Eva, che lo segue incuriosita, parlando ininterrottamente. Adamo però è molto affascinato da Eva. Il loro incontro appare destinato al disastro. Poi Eva mangia la mela e comincia la caduta entrano nel mondo della morte, dei figli, del lavoro, della conoscenza; arrivano i figli Caino e Abele, esseri che Adamo per molto tempo non riconosce come umani, ma crede siano una nuova specie di animali. I due diari si susseguono fino a che i due nonostante le diversità, si rendono conto che si amano. E’ l’ incontro tra l’uomo e la donna, in questo giardino dell’Eden con tutti gli aspetti e le caratteristiche dell’uomo e la donna moderni, mirabilmente tratteggiati dalla grandezza della penna di Mark Twain.

Mobirise

Giovedi 17 Gennaio 2019 - Ore 21

FORZA IL MEGLIO E' PASSATO

con Giorgio Pasotti e con la danzatrice Claudia Marinangeli 
regia Davide Cavuti
Lo spettacolo si ispira alla celebre frase di Ennio Flaiano “Coraggio, il meglio è passato” e con la stessa ironia proverà a percorrere le storie dei personaggi che hanno lasciato un segno tangibile sulla storia del cinema, del teatro e della letteratura. I momenti di danza proietteranno gli spettatori nei vari quadri che compongono lo spettacolo e che Giorgio Pasotti disegnerà, sotto la regia di Davide Cavuti, coinvolgendo spesso il pubblico in sala. Il cinema sarà uno dei temi della serata come anche il grande teatro con riferimenti a testi di grande impatto emotivo.

Mobirise

Venerdì 8 Febbraio 2019 - Ore 21

FIGLIE DI EVA


scritto da Michela Andreozzi e Vincenzo Alfieri
Con Michela Andreozzi, Vittoria Belvedere e Maria Grazia Cucinotta |Regia di Massimiliano Vado 
Tre donne sull’orlo di una crisi di nervi sono legate allo stesso uomo, un politico spregiudicato, corrotto e doppiogiochista, candidato premier delle imminenti elezioni. Elvira è la sua assistente perfetta, Vicky la moglie e Antonia la ricercatrice universitaria che sta aiutando il figlio del politico a laurearsi. Ma le tre donne sono anche di più: Elvira è una specie di Richelieu, una grande donna dietro un grande uomo; Vicky è l’artefice della fortuna economica del marito, e Antonia una professoressa che vende voti all’università. L’uomo dopo averle usate per arrivare in vetta, le scarica senza mezzi termini. Le donne, dopo un tentativo di vendetta personale che nessuna di loro riesce a portare a termine, pur conoscendosi appena e detestandosi parecchio, si uniscono per vendicarsi tutte insieme. Un po’ Pigmalione, un po’ Club delle Prime Mogli, un po’ Streghe di Eastwick, Figlie di Eva è la storia di una solidarietà ma anche della condizione femminile, costretta a stare un passo indietro ma capace, se provocata, di tirare fuori risorse geniali e rimontare vincendo in volata.

Mobirise

Venerdì 15 Febbraio 2019 - Ore 21

L'OPERAZIONE

Scritto e diretto da Stefano Reali | con Nicolas Vaporidis, Maurizio Mattioli e Antonio Catania con la partecipazione straordinaria di Gabriella Silvestri e con Marco Giustini
Il sipario si apre sulle note di “Un’estate italiana”, meglio conosciuta come “Notti magiche”, colonna sonora dei mondiali di calcio svoltisi in Italia nel 1990. È il 7 luglio e tutto il Paese, o quasi, è in attesa che si giochi la semifinale fra Italia ed Argentina. L’ambientazione, però, non è delle più allegre perché ci si trova all’interno di una grande camera del Policlinico dove si muovono vari personaggi, ognuno portatore di specifiche esigenze e determinate necessità: due degenti ricoverati nel reparto di traumatologia per problemi di gravità diversa alle ginocchia, un paramedico trafficone, una caposala severa, un dottorino rampante. «L’Operazione» è un testo scritto e diretto da Stefano Reali che presenta molte sfaccettature, ricco com’è di note divertenti, di risvolti amari, di debolezze profondamente umane. 

Mobirise

Sabato 23 Febbraio 2019 - Ore 21

LA CASA DI FAMIGLIA

di Augusto Fornari, Toni Fornari, Andrea Maia, Vincenzo Sinopoli | regia di Augusto Fornari
Tornano in scena gli interpreti dalla commedia “Finchè giudice non ci separi” dopo il grande successo riscosso nelle ultime due stagioni teatrali, Toni Fornari, Luca Angeletti, Simone Montedoro e Laura Ruocco protagonisti, questa volta della pièce “La casa di Famiglia”, e con Augusto Fornari nel ruolo del padre. “La casa di famiglia” racconta la storia di quattro fratelli caratterialmente molto diversi tra loro, Giacinto, Oreste, Alex e Fanny. Una cosa hanno in comune: La Casa di Famiglia, dove sono nati e dove hanno trascorso la loro infanzia. Ognuno ormai ha una sua vita e una sua famiglia. Il loro padre è in coma da due anni e la casa vuota è da tempo inutilizzata. Un giorno Alex convoca i fratelli per annunciare che ha ricevuto un’offerta milionaria per cedere la casa di famiglia. Alex, che ha urgentemente bisogno di soldi, vorrebbe venderla mentre gli altri non sono d’accordo. La decisione, dopo molte discussioni, viene messa ai voti. In quest’atmosfera di incredulità riaffiorano ricordi, rancori, incomprensioni e cose mai dette che raccontano le tante sfaccettature dei rapporti familiari con gli inevitabili riflessi sentimentali e con tante sorprese e colpi di scena divertenti ed emozionanti. La commedia è una pièce teatrale divertente, ma che al tempo stesso racconta di emozioni e sentimenti in cui tutti possono identificarsi.

Mobirise

Venerdì 15 Marzo 2019 - Ore 21

BELVEDERE, DUE DONNE PER ARIA

di Anna Mazzamauro e con Sasà Calabrese |regia Luca Ferri
Anna Mazzamauro e Cristina Bugatty sono le interpreti di questa storia ai limiti tra la commedia e la poetica felliniana. Sul Belvedere di un alto palazzo vive una donna che tra i ricordi che affiorano e le giornate che passano, incontra una transessuale nascosta dietro ad una di quelle lenzuola che sventolano alla brezza della sera. Nasce un’amicizia, un’intima confidenza che si trasforma in una complicità, accompagnata dalla musica che prende forma dalle note del contrabbasso suonato dal vivo da Sasà Calabrese. Il Belvedere è un luogo magico, un posto dove si può osservare il panorama e il mondo intero, ma è anche la metafora di una terrazza affacciata sulla vita in grado di mostrare le più intime fragilità delle protagoniste. (Luca Ferri)
Una terrazza. Un belvedere. Due donne velate di diversità. Santa, pannosa figura che sembra uscita da una tela di Botero e Graziadio, una transessuale bellissima straziata e arricchita dalla sua duplice natura. Si incontrano e si scontrano in un prepotente bisogno di vivere come ordinaria quella che agli altri sembra violazione. Accanto a loro c’è Beethoven, musicista sordo ma che “sente” ogni risata, ogni pianto delle due creature e li commenta con il suo unico compagno, il contrabbasso, mentre assiste alla loro escursione feroce che alla fine unirà quelle vite in un abbraccio inaspettato. (Anna Mazzamauro)

Indirizzo

Piazza IV Novembre 4/A
20025 Legnano (MI)


Contatti
Email: teatrotirinnanzi@legnano.org
Telefono:
331 7189086

Collegamenti
Comune di Legnano



Feedback

Inviaci le tue idee, segnalazioni di bug, suggerimenti! Qualsiasi feedback sarà apprezzato.